sabato 2 luglio 2011

La valigia piena di sogni



Silenzio. Al'improvviso, dopo il temporale, spunta il sole
della consapevolezza. Nuovi orizzonti, nessuna certezza.
Rispolvero la mia vecchia, cara valigia.
Siamo solo io e lei, vecchi compagni di viaggio:
una donna qualunque e la sua valigia piena di sogni.
Non porto via niente con me
sono io stessa l'unica  ricchezza che ho.
 La luce che ho nel cuore mi farà da guida.
Il sorriso di un sogno mi aiuterà ad asciugare le lacrime.
Alla luce dell'alba il cammino e ancora indefinito.
So solamente che il giorno deve arrivare
e la notte buia è alle spalle.
Un fremito scuote le mie ali. Ho voglia di volare.


7 commenti:

Lufantasygioie ha detto...

spesso ho anch'io questo desiderio...
buon fine settimana

♥Giusy♥ ha detto...

Gaby...questa poesia mi lascia pensare!!!
forse la interpreto male io?
è tutto ok?
quando vuoi sono quà!!
un bacio

Soledoro ha detto...

Grazie, Lu, partire fisicamente o con la fantasia è un desiderio comune a tutti noi, buon fine settimana anche a te.

Giusy, tesoro, non parto per paesi sconosciuti, stai tranquilla...sono sempre qui, è più che altro una metafora. Bacioni, sul nostro forum racconto di più.

Gabe ha detto...

bellissime parole,quelle ali che fremono in attesa di spiccare il volo,buon viaggio,anche se metaforico

achab ha detto...

Ciao Gaby,bellissima poesia,rappresenta la risalita e la rinascita,complimenti sei molto brava,grazie delle emozioni.
Un bacio.

Soledoro ha detto...

Grazie,Gabe. Il viaggio, seppur metaforico, porta cambiamenti, arricchisce anche la vita quotidiana.
Bacio.

Soledoro ha detto...

Grazie, Achab. E vero, la risalita lenta, dolorosa anche, ma che porta inesorabilmente alla rinascita. Un bacio.